Abbiamo scelto questa figura perchè riteniamo che sia un tema di grande attualità, seppur affondi le radici in tempi remoti.

Ed è proprio questa presenza costante nella storia, la sua continua evoluzione e, nello stesso tempo, conservazione che rendono affascinante la figura di un atleta. Evoluzione perchè gli sport si evolvono, cambiano, migliorano (o peggiorano, dipende dai punti di vista) e si adeguano al progresso e  alle tecnologie  e ai modi di pensare e di vivere della società come è giusto che sia e sarà sempre così. Conservazione perchè mantiene determinate caratteristiche nel tempo. Vuoi o non vuoi uno sportivo professionista sarà sempre visto come appartenente ad una classe a sè , una classe privilegiata e quasi “famosa” come del resto era nell’antichità: non è un segreto che i primi Vip di un tempo escludendo i regnanti e i guerrieri che, guarda caso richiamavano immagini di prestazione fisica, fossero atleti di varie discipline competitive. Basti pensare a come sarebbero stati osannati, ad esempio, i gladiatori nell’antica Roma.

 

 

 

   marmo-del-foro                                                               

           

 

 

Ma l’atleta non è solo quello famoso o ricco o campione, è anche colui che, per passione, oltre al suo lavoro si dedica allo sport agonistico o amatoriale. Anche un tempo esistevano coloro che si dilettavano in uno sport per puro piacere o per star bene (gymnasium), concetti e usanze che sarebbero state tramandate all’infinito e in svariati modi (gare popolari, giostre medioevali, pallacorda e tanti altri esempi).

Ma c’è un’altra distinzione da fare ed è forse la più importante perchè è quasi una provocazione ed un invito a riflettere e rispondere, cari ragazzi.   Come è visto un atleta a livello intellettivo?  Il vecchio detto “mens sana in corpore sano” sembra non essere più valido o, come diranno molti, non bisogna fare di tutta l’erba un fascio? A quanto pare ci sono categorie di atleti sottovalutate, a causa della maggiore diffusione dello sport che praticano, che sembra mettere al primo posto altri valori rispetto all’intelligenza. E’ vero, i calciatiori non godono di buona fama in questo campo, ma il buon senso ci dice che anche tra di loro si possono trovare delle buone “menti”.

 

 

Fr Tt

 

 

Senza considerare che i rappresentanti delle altre categorie (se non cadono nella tentazione dello spettacolo) sono sempre stati esemplari.

Vi sembra ancora attuale l’idea di un atleta come modello, paradigma in cui si coniugano la competizione, lo sforzo per raggiungere la vittoria e la virtù (intesa soprattutto come rispetto delle regole e degli altri)?

Speriamo che, mentre leggete queste parole, stiate iniziando a pensere a qualcuno in particolare. Tenetelo in mente perchè vi servirà nel prossimo futuro…….

Basti pensare al nostro portabandiera alle Olimpiadi più recenti (Non diciamo chi è, dovreste già saperlo) o quello della edizione passata (un famoso ginnasta). Ma avremo modo di conoscerli attraverso alcune loro foto che saranno pubblicate nella categoria immagini ( a proposito, li conoscete tutti?), che per gli autori di questo blog sono tra le più rappresentative. Avete la più completa libertà di scelta nell’atleta al quale dedicherete la sitografia, pensate soltanto a quanti aspetti diversi possa portare l’analisi di un atleta, dovrete soprattutto motivare la vostra scelta e far capire perchè quell’atleta è importante per voi.

 

 

 

Annunci

0 Responses to “L’ Atleta”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...





%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: